lunedì 5 novembre 2012

La raccolta delle olive alla fattoria di Maddalena (25 ottobre 2012)

         

 

Una mattina è venuta Maddalena a scuola per spiegarci il percorso che dovevamo fare alla gita alla fattoria. Ci ha detto che dovevamo raccogliere le olive e fare dei vasetti da portare a casa.

Il giorno dopo, appena siamo arrivati a scuola, siamo andati con la 5°TN in  piazza e lì abbiamo preso il pulmino. Durante il tragitto ho parlato con Kadija e Christian; il tragitto è stato corto perché la fattoria è a Polverigi. Appena siamo arrivati abbiamo salutato e abbracciato Maddalena.

Dopo Maddalena ci ha diviso in gruppi io ero con Kadija, Christian, Gianmaria, Diego, Denis, Martina e Sabrina. Abbiamo fatto anche un gioco con la rete, la rete era quella con cui si raccoglie l'oliva. Maddalena ci ha assegnato dei numeri io ero il 5. Quando chiamava un numero i bambini si dovevano scambiare di posto passando sotto la rete mentre quelli che non erano chiamati li mettevano in difficoltà scuotendola.

Dopo abbiamo fatto merenda. Maddalena ci ha servito pane e olio. L'olio era della fattoria quindi era biologico. Dopo la merenda ci ha descritto alcune piante d'olivo presenti: il Leccino, la Raggia, la Bella di Spagna, la Mignola e il Frantoio.

Dopo di che siamo passati alla fase della raccolta, ogni gruppo aveva delle piante di olivi assegnati; la mia squadra aveva la raggia. Dopo la raccolta ci siamo seduti sulla rete e abbiamo preso un'oliva a testa. Con l'uso dei cinque sensi l'abbiamo guardata, annusata, toccata, l'abbiamo "spiaccicata" e l'abbiamo assaggiata. Era amarissima.

Valeria, la figlia di Maddalena, ci ha distribuito un vasetto, ci abbiamo messo delle olive e il sale grande. Il procedimento di conservazione è il seguente:per dieci giorni dobbiamo fare la "cucaracha" cioè lo dobbiamo agitare la mattina e la sera. Passati i dieci giorni ci dobbiamo mettere l'olio e alcuni odori come la buccia dell'arancia o limone l'aglio e il finocchio selvatico. Però chi non voleva poteva fare a meno.

Ad un certo punto purtroppo ci siamo dovuti salutare e poi abbiamo preso il pulmino per rientrare a scuola.

Questa gita è stata bellissima, la vorrei rifare tante altre volte.

G. P. 5ªTP

 

Nessun commento: